Il diritto di prelazione

AZIENDA REGIONALE PER L’EDILIZIA RESIDENZIALE

DELLA VALLE D’AOSTA


ESTINZIONE DEL DIRITTO DI PRELAZIONE

SU ALLOGGI CEDUTI AI SENSI DELLA LEGGE REGIONALE 4 SETTEMBRE 1995, N. 40

 

 

RICHIAMI NORMATIVI:

Legge Regionale 13 febbraio 2013, n. 3:

Art. 52, comma 4:

“Gli Enti proprietari hanno diritto di esercitare la prelazione all’acquisto per un periodo di trent’anni dalla data di stipulazione del contratto di acquisto ….”;

Art. 52, comma 5:

“Il diritto di prelazione di cui al comma 4 può essere estinto, decorsi dieci anni dall’acquisto, con il versamento all’Ente titolare del diritto di un importo pari alla differenza tra il valore minimo di libero mercato dell’alloggio, relativo ad abitazioni di tipo economico, individuato dall’Osservatorio del Mercato Immobiliare dell’Agenzia delle Entrate e il prezzo dell’alloggio, come individuato nell’atto di acquisto, moltiplicato per il numero di anni o frazioni di anni mancanti alla data di estinzione del diritto di prelazione. L’importo così determinato deve essere diviso per 100 e moltiplicato per un coefficiente compreso tra un minimo di 1 ed un massimo di 2, come definito dall’Ente titolare del diritto di prelazione con apposito provvedimento”;

Art. 88, comma 3:

“Le modalità di estinzione del diritto di prelazione di cui all’art. 52, comma 5, si applicano anche agli alloggi alienati in applicazione della Legge Regionale 4 settembre 1995, n. 40 (Norme regionali per la vendita del patrimonio di edilizia residenziale pubblica”.

  

MODALITA’ OPERATIVE PER LA RICHIESTA DI ESTINZIONE: 

1.  I soggetti proprietari di alloggi di Edilizia Residenziale Pubblica acquisiti ai sensi della L.R. 4.09.1995, n. 40 interessati all’estinzione del Diritto di Prelazione gravante sull’alloggio a suo tempo acquisito dall’Azienda, decorsi almeno 10 anni dalla data di acquisto, potranno inoltrare apposita istanza mediante gli schemi di domanda posti in allegato al presente comunicato, rispettivamente:

     - Estinzione Diritto di Prelazione su alloggio E.R.P. richiesta dal proprietario.

     - Estinzione Diritto di Prelazione su alloggio E.R.P. richiesta da eredi del proprietario.

     Unitamente alla richiesta di cui sopra devono essere prodotti i seguenti documenti:

     - Fotocopia dell’atto di compravendita;

     - Fotocopia del documento d’identità del/dei richiedente/i;

     - Certificato catastale dell’immobile, non anteriore a tre mesi.

2.  Acquisita l’istanza completa di tutta la documentazione, l’Azienda procede entro i successivi trenta giorni alla quantificazione dell’importo ed alla successiva comunicazione al soggetto che è stato indicato quale referente sul modulo di richiesta di estinzione. Nella comunicazione sono indicati gli estremi identificativi del Conto Bancario sul quale regolare l’operazione di accredito a favore dell’Azienda. In relazione alle modalità di calcolo fissate dalla norma di riferimento, l’importo indicato avrà validità di trenta giorni dalla data di comunicazione all’interessato.

3.  A dimostrazione dell’avvenuto pagamento l'interessato deve trasmettere all’Azienda copia del Bonifico Bancario effettuato, a cui seguirà l'emissione di regolare fattura.

4.  La procedura amministrativa si conclude con la deliberazione da parte del Consiglio di Amministrazione dell’Azienda, da adottarsi nella prima seduta utile, della quale verrà trasmessa al richiedente debita copia conforme ad attestazione dell’avvenuta estinzione.

torna all'inizio del contenuto
torna all'inizio del contenuto